Episodio 2.8

Episodio 2.8

Abbiamo visto il contributo fondamentale di Gregory Bateson alla traduzione e diffusione del pensiero cibernetico agli ambiti delle scienze umane, soprattutto per quanto riguarda la psicanalisi e la psichiatria, e di come fosse presente negli anni delle prime sperimentazioni che portarono alla cosiddetta scuola di Palo Alto, anche se poi alla fine se ne allontanò, sciogliendo il suo gruppo e decidendo di trasferirsi alle Hawaii per studiare, tra le altre cose, la comunicazione tra i delfini.

Quella che può essere considerata la summa del suo pensiero è Verso un’ecologia della mente, del 1972, dove raccoglie una serie d’interventi risalenti agli anni cinquanta e sessanta in cui presenta i risultati dei suoi studi e ricerche nei vari ambiti disciplinari da lui frequentati – l’antropologia, la psichiatria, l’evoluzione biologica e la genetica, e infine la nuova epistemologia che scaturisce dalla teoria dei sistemi e dall’ecologia. Con lui la cibernetica arriva a fondersi con lo spirito, dando vita a una specie di deismo informatico, la percezione di una realtà unica sperimentata anche grazie all’LSD che gli fa sentire sé stesso e la musica che ascolta come fatti della stessa materia, e che lo porta ad affermare: «Consideriamo ora per un momento se un calcolatore pensi, io direi di no, ciò che “pensa” è l’uomo più il calcolatore più l’ambiente. E le linee di demarcazione tra uomo, calcolatore e ambiente sono del tutto artificiali e fittizie (…) non sono confini del sistema pensante. Quello che pensa è il sistema totale, che procede per tentativi ed errori ed è costituito dall’uomo più l’ambiente.»

La visione degli ambienti naturali come reti interdipendenti si ispira all’opera di George Hutchinson, considerato il padre dell’ecologia, anch’egli presente negli anni ’50 alle conferenze Macy. Sarà un suo studente, Tod Odum, a elaborare in seguito il concetto di ecosistema, che si basa sui modelli cibernetici di retroazione, causalità circolare e informazione, e che porterà poi all’idea che computer e tecnologie avanzate non solo permettono il controllo e la gestione delle interazioni con l’ambiente, ma sono meno inquinanti e perciò più ecologiche dei vecchi modelli produttivi industriali.

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

 

Sommario Ep. 2.8

  • Introduzione
  • Knock o il trionfo della medicina (sceneggiato TV tratto dall’opera teatrale scritta nel 1923 da Jules Romains, trasmesso sul secondo canale Rai il 13 gennaio 1967)
  • Andrea Romano (PD) – “Stavolta non scherziamo, gli antivaccinisti andranno zittiti” – LA7 (24/11/2020)
  • Sally Fallon Morell, prefazione a The Contagion Myth: Why Viruses (including “Coronavirus”) Are Not the Cause of Disease di Thomas Cowan (TESTO)
  • Basta la salute (RaiNews24): parto in casa
  • Chiparopai, anziana indigena Yuma

 

Riferimenti Ep 2.8

  • Voicians, Cybernetic (2077 Edit) (2019)
  • Mad Manoush, Tchavolo Swing (The Gypsy R-evolution, 2008)
  • Armando Iannucci, Morto Stalin se ne fa un altro (2017)
  • Wu Man, Wulin yiyun (Antiche melodie di Wulin) (Chinese traditional and contemporary music for pipa and ensemble, 2000)
  • Dawn & Dusk Entwined, A Torch In A Dark Field (A Leftover Of Gaia, 1999)
  • Mel Brooks, Balle Spaziali (1987)
  • Bob Miller e Robert Mirabal, Into the Twilight (Native Suite: Chants, Dances and the Remembered Earth, 1996)
  • LE PAROLE DEL CONTAGIO/IL CONTAGIO DELLE PAROLE, di Bianca Bonavita, voce di Caterpillar, musica remix di “T’appartengo” di Ambra Angiolini (2020)

Episodio 2.7

Episodio 2.7

Tornando sulla costa ovest degli Stati Uniti e in particolare nella Baia di San Francisco, bisogna accennare alla cosiddetta Scuola di Palo Alto, che porta alle estreme conseguenze il relativismo del pensiero di Bateson. Più una rete di ricercatori, un “collegio invisibile”, che una vera e propria scuola, ne fanno parte psicologi e psichiatri del calibro di Paul Watzlawick, Jay Haley, John Weakland e Don Jackson, oltre a figure quali Ray Birdwhistell (ideatore della cinesica, tipo di comunicazione non verbale basata sui gesti).

Nel 1958 Don Jackson fonda a Palo Alto il Mental Research Institute, un’istituzione indipendente, multidisciplinare e senza fini di lucro, con l’obiettivo di compiere ricerche scientifiche sul comportamento umano, per risolvere problemi legati alla famiglia e agli altri livelli di organizzazione sociale. Qui si svilupperanno una serie di terapie innovative tra cui quella sistemica, quella familiare e quella strategica, e soprattutto quella che è considerata il marchio di fabbrica di Palo Alto, la terapia breve.

Spostando l’accento dall’indagine sulle cause profonde, storiche e individuali, dei problemi psichici – considerati un mero disfunzionamento comunicativo – al cambiamento comportamentale, la terapia breve interviene direttamente sui sintomi per curarli basandosi sui problemi relazionali del soggetto in questione. Rifiutando la classica psicanalisi, giudicata troppo lunga e profonda, si praticano una serie di interventi diretti in situazioni concrete.

I cinque punti in cui può essere schematizzato questo approccio sono:

  1. La comunicazione è il fondamento, la matrice di ogni sistema sociale o culturale
  2. L’apprendimento è un processo retroattivo, continuo e gerarchico
  3. La comunicazione favorisce la lotta contro il disordine entropico
  4. I sistemi di codifica verbali e non, determinano in modo inconscio gli scambi comunicativi
  5. Di natura interattiva, la comunicazione umana si basa sulla metacomunicazione, ovvero sulla capacità di contestualizzare

 

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

 

Sommario Ep. 2.7

  • Introduzione
  • Basta la Salute – RaiNews24 – “Vaccinarsi per l’influenza”
  • L’aria che tira – LA7 (15/11/2020)
  • Falò: Il fantasma della pandemia (RSI – Rete Svizzera Italiana, 2010)
  • Knock o il trionfo della medicina (sceneggiato TV tratto dall’opera teatrale scritta nel 1923 da Jules Romains, trasmesso sul secondo canale Rai il 13 gennaio 1967)
  • Fiorella Belpoggi e il 5G

 

Riferimenti Ep 2.7

  • Francis Dhomont, AvatArsSon (1998)
  • The Ex & Tom Cora, Crusoe (Scrabbling At The Lock, 1991)
  • Fabio Concato, Computerino (Fabio Concato, 1984)
  • Orkestra Bailàm, Lestopunk (Le Grand Osim Orchestra, 2006)
  • L’aereo più pazzo del mondo 2 (1982)

Episodio 2.6

Episodio 2.6

Durante il suo esilio newyorkese negli anni della guerra, Lévi-Strauss aveva incontrato alla New School for Social Research il linguista Roman Jakobson, che avrà un’influenza determinante sia nell’elaborazione della nascente cibernetica sia sul giovane antropologo e amico francese.

Nato a Mosca a fine ’800, da una decina d’anni aveva ideato la fonologia a partire dal solco tracciato dalla linguistica di Fernand de Saussure, e ora la stava integrando con i recenti sviluppi della teoria della comunicazione, i cui «concetti di codice e messaggio sono molto più chiari, meno ambigui e più operativi» rispetto a quanto offrono gli approcci tradizionali.

Tralasciando le questioni di ordine semantico per basarsi unicamente sulla struttura formale del linguaggio, la fonologia strutturale elimina la dimensione soggettiva della parola: la lingua, scomponibile in unità sonore, diventa un codice astratto strutturato da leggi invariabili che regolano lo scambio d’informazioni, e nella combinazione tra fonemi «la libertà del locutore è nulla; il codice ha già prestabilito tutte le possibilità».

In un certo senso di può dire che lo strutturalismo nasce dall’incontro tra il linguista Jakobson e Lévi-Strauss; quest’ultimo pubblica nel 1943 le sue tesi sulle Strutture elementari della parentela e da lì in avanti l’obiettivo è quella specie di “rivoluzione copernicana” che consisterà nell’interpretare la società nel suo insieme in funzione di una teoria generale della comunicazione. Che si tratti di regole di parentela o di scambio di donne, di leggi economiche o linguistiche, come dello scambio di beni e servizi, per Lévi-Strauss è sempre una questione di comunicazione e messaggi.

 

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

 

Sommario Ep. 2.6

 

Riferimenti Ep 2.6

  • Direct Connection, 7G (COPY?RIGHT! vol.1, 2010)
  • Epic Symphonic Rock, Kashmir (Led Zeppelin) – Concerto a Lima, Perù, febbraio 2018
  • Boards Of Canada, Red Moss e June 9th (Boc Maxima, 1996)
  • Sergei Teleshev, Toccata e Fuga in Re minore di J. S. Bach per fisarmonica (2013)
  • Bonobo, Transmission 94 (Parts 1 & 2) (Days to Come, 2006)
  • Anonimo, И вновь продолжается бой! La battaglia continua! (conosciuta anche come Lenin è di nuovo giovane), di Aleksandra Pakhmutova e Nikolai Dobronravov (1974)
  • Luciano Salce, Vieni avanti cretino (1982)
  • Grateful Dead, Eleven Jam (Aoxomoxoa, 1969)

Episodio 2.5

Episodio 2.5

Lasciando per il momento gli Stati Uniti, di qua dell’Atlantico i paesi europei hanno risentito di un trauma post-bellico più violento e la conta dei danni, morti e distruzioni, unite alla scoperta delle atrocità naziste inaugurano un periodo di profonda disillusione. Ad acuire i malesseri e mettere in dubbio il primato del Progresso e l’eurocentrismo contribuiranno anche il disvelamento dei crimini dell’Unione Sovietica e, soprattutto in Francia, le guerre decoloniali.

Non a caso il faro della versione francese della cibernetica è l’etnologia e la figura centrale quella di Claude Lévi-Strauss, che dopo un lungo soggiorno statunitense getta le basi teoriche dell’antropologia strutturale, il cui obiettivo sarà studiare i codici culturali umani per poterne ricavare leggi generali, strutture universali; e unita all’economia e alla linguistica fonderà una disciplina comune, la scienza della comunicazione.

Affascinato dai «metodi matematici che hanno reso possibile la creazione di grandi macchine calcolatrici», nel 1951 indica la strada per l’integrazione nelle scienze sociali delle conoscenze scientifiche provenienti da cibernetica e teoria dell’informazione. Di fronte al crepuscolo delle culture, la scienza può garantire un approccio apolitico e globalizzante – e Lévi-Strauss vede nella «comunicazione l’opposto dell’ostilità e della guerra».

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

 

Sommario Episodio 2.5

• Introduzione
• Di Feliciantonio, Fastweb: “Il 5G non è una rete mobile. È la rete del futuro”
L’influenza asiatica, L’Europeo Ciac del 12/09/1957
• Anna Cereseto, Università di Trento, su CRISPR-CAS9 (TedX a Padova e Varese)
• Valerio Jalongo, Il senso della bellezza. Arte e scienza al CERN (2017)
Il discorso di Davide Barillari, Consigliere Regione Lazio (7 ottobre 2020)

 

Riferimenti Ep 2.5

  • Cluster & Eno, Ho renomo (Cluster & Eno, 1977)
  • Bernard Parmegiani, De Natura Sonorum (1978)
  • Sympathy Nervous, It’s My Shout (Theraputic Writing, 1996)
  • Woima Collective, Puno (Tezeta, 2010)
  • Muslimgauze, Dissidents in Exile (Buddhist on Fire, 1984)
  • Amsterdam Klezmer Band, Stompin Mokum (Blitzmash, 2014)
  • Chemical Brothers, Belive (Push the bottom, 2005)
  • Davide Spitaleri, Computer di razza (Uomo irregolare, 1980)

Episodio 2.4

Episodio 2.4

Nel 1948 Bateson si sposta in California presso il Veterans Administration Hospital di Palo Alto invitato a collaborare con lo psichiatra Jurgen Ruesch. In quegli anni in America c’è una forte campagna a favore della salute mentale, considerata prerequisito indispensabile per ottenere pace e funzionamento sociale. Partendo dal presupposto che la cibernetica, scienza dello spirito o della mente, ha come obiettivo studiare e riprodurre l’intelligenza umana, psicologia e psichiatria sono le dottrine cardine per spiegare il funzionamento della macchina cerebrale e, proponendo una visione sistemica, fanno da cerniera tra tutte le altre scienze, unificando risultati e approcci anche contraddittori.

Bateson, uno dei primi teorici a elaborare un approccio globale all’individuo e alla società, spinge la cibernetica alla conquista del soggetto, adattandolo alla nuova realtà sociale in gestazione. In Comunicazione: la matrice sociale della psichiatria, pubblicato con Ruesch nel 1951, getta le basi dell’uomo nuovo cibernetico che si delineerà nei successivi vent’anni. Per prima cosa, l’inconscio non è più un luogo mistertioso e lontano, da scoprire, ma un’istanza economica da far funzionare al meglio, una scatola nera dove sono presenti tutte le informazioni immagazzinate dal soggetto. Oggetto della psichiatria quindi non è più l’individuo ma i codici e i messaggi interpersonali di trasmissione dell’informazione, e la schizofrenia viene considerata non più un problema interiore ma una disfunzione comunicativa.

Basando l’interazione sui concetti di entropia, informazione e retroazione, Bateson vede nella cultura un tentativo di resistere al secondo principio della termodinamica: l’essere umano si «sforza di interferire con il corso “naturale” o aleatorio degli eventi» che porterebbe gli scambi a diminuire e poi scomparire, dunque l’informazione è un principio neghentropico che favorisce l’organizzazione e lo sviluppo dei sistemi sociali. Questi principi che governano tutta la realtà porteranno alla disintegrazione del vecchio soggetto della cultura occidentale, a favore di una visione che potremmo definire tecno-olistica, che porta Bateson a dichiarare: «di solito pensiamo al “mondo fisico” esterno come in qualche modo separato da un “mondo mentale” interno; io credo che questa distinzione sia basata sul contrasto nella modificazione e trasmissione all’interno e all’esterno del corpo. Il mondo mentale – la mente, il mondo dell’elaborazione dell’informazione – non è delimitato dall’epidermide».

 

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

 

Sommario Episodio 2.4

• Introduzione
• Totò Conte (Antonio)
• “Virus, Soldi e Vaccini” da Fuori dal Coro (Rete 4, 20 ott 2020)
Leyda, Olanda, 1949: fabbricazione di vaccini antinfluenzali (https://youtu.be/5Kn4gwvJYa0)
• Sperimentazioni sui vaccini Astra Zeneca
CRISPR – CAS9: LE “FORBICI GENETICHE”Emmanuelle Charpentier founder of the CRISPR-Cas9 gene editing technology; Anna Cereseto, Un. di Trento, da RAI Scuola; Jennifer Doudna, “How CRISPR lets us edit our DNA” (TED Talk, Londra, settembre 2015)

 

Riferimenti Ep 2.4

  • The Allman Brothers Band, In Memory Of Elizabeth Reed (Idlewild South, 1970)
  • Andy Farley vs DaveTheDrummer, M.B.S. (2004)
  • Queen, A kind of “A Kind of Magic”, (A kind of magic, 1986)
  • Prauda-Kleemola-Susitaival, Haliasoitto; Syrjänen-Nieminen-Pentikäinen, Piilotanssi (Hiien Hivuksista – Jouhikko music from Finland, 2003)
  • Dan Ar Braz, Le sang des navires (Acostic, 1982)
  • Andrew Niccol, Gattaca – La porta dell’universo (1997)
  • Acid Mothers Temple & The Melting Paraiso U.F.O., Electric Love machine (Univers Zen Ou De Zero A Zero, 2002)
  • Chumbawamba, Timebomb (Live In Armley, 1993)
  • Tammorrari Del Vesuvio, Tammurriata alli uno (Aizamme Sta Tammorra, 2007)

Episodio 2.3 – Puntata Speciale

Episodio 2.3 (Puntata Speciale)

Questo periodo pandemico dovrebbe spingere molte persone a ripensare totalmente alla vita su questo pianeta, all’impatto che il nostro stile di vita moderno, industriale e digitale ha su ogni essere vivente. E di fatti in molti hanno provato a scardinare il mito del progresso ad ogni costo, seppur quasi con timore riverenziale, e ad ogni modo quando si riformulano teorie rispetto alle varie cose che compongono la nostra vita, tra i più propensi ai cambiamenti radicali, si è sempre ribaltato il modello dominante, che è spesso costruito e raccontato come verità ufficiale per riprodurre un modello sociale che provoca diseguaglianze, guerre, genocidi, sfruttamento e distruzione del pianeta.

Per esempio il modello Hobbesiano, quello cioè di un umanità che deve lottare contro la natura cattiva e malvagia sempre pronta a fare del male, quello dell’uomo civilizzato al di sopra di ogni forma di vita umana primitiva e animale eretto a condottiero di una guerra al mondo selvaggio… be quel modello sono in molti ad averlo contestato e ribaltato, stessa cosa per il darwinismo sociale.

Addirittura molti di noi si sono spinti a insinuare che la vita sociale umana non è intrinsecamente autoritaria e non dovrebbe funzionare con il più forte che comanda tutti, ma che al contrario dovremmo vivere in modo equalitario aiutandoci vicendevolmente.

Questi sono tutti modelli differenti che si contrappongono alla narrativa dominante di volta in volta. Siamo antimiltaristi, crediamo cioè che non sia con la guerra che si risolvono le diattribe. Per dirla semplicemente.

Eppure quando si parla di medicina, il modello dominante sembra difficile da ribaltare. Nonostante, come diceva Illich, “La corporazione medica sia diventata una grande minaccia per la salute”, abbiamo molte remore ad ammettere che la teoria dei germi e del contagio abbia qualcosa che non va. Sono cose che durante una situazione come quella che si sta vivendo a livello globale dovrebbero essere evidenti, o quantomeno dovrebbe far porre dei dubbi.

Quindi proviamo a proporre questa lunga intervista al Dottor Tomas Cowan, del quale avevamo già trasmesso un breve contributo nelle prima stagione della Nave dei Folli. È un intervista dove ci si chiede se siano veramente i germi a farci ammalare. Cowan è anche colui che forse tra i primi a fatto notare come questa epidemia nasca in concomitanza con le messa in etere di nuovi campi elettromagnetici, il famoso 5G.

Ci addentriamo quindi, in un mondo e una visione del mondo che in questi ultimi mesi è stata demonizzata e massacrata persino da persone cosiddette “militanti”, che dovrebbero quindi almeno avere uno sguardo critico alle disposizioni assurde con quali siamo costretti a vivere ormai da diverso tempo.

Non è un tentativo di imporre una verità “alternativa” ma solo un primo passo per ribaltare, anche in ambito medico e della nostra salute, il modello guerrafondaio Hobbesiano come abbiamo fatto per molti altri aspetti della nostra vita.

Se batteri e virus non fossero nemici, a chi staremo facendo guerra ora?

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

Sommario 2-3

Riferimenti 2-3

  • Archive, Controlling Crowds e Dangervisit, Controlling Crowds (2009)
  • Godspeed You! Black Emperor, Sleep e Storm, Lift Your Skinny Fists (2000)

Episodio 2.2

Episodio 2.2

Nella prima stagione della Nave dei folli abbiamo iniziato a ripercorrere la storia dell’impero cibernetico. Il termine, che viene dal greco e significa pilotare, governare un’imbarcazione, fu reintrodotto dagli scienziati riuniti attorno a Norbert Wiener che durante la Seconda Guerra mondiale stavano lavorando a un sistema automatico di contraerea, e servirà a designare lo studio «del controllo e della comunicazione nell’animale e nella macchina».

Cibernetica era già stata adoperata più di un secolo prima, in senso tecnico da James Watt, nel 1789, per indicare il regolatore centrifugo delle macchine a vapore, e dal fisico e matematico André-Marie Ampère nel suo Saggio sulla filosofia delle scienze del 1834 per indicare, in senso politico, «i mezzi di governo».

Ma la figura che più simbolizza l’affermarsi della nuova scienza, considerata un Secondo Rinascimento, è quella dell’inglese Gregory Bateson che spingerà definitivamente le scienze umane nell’ambito dell’ingegneria sociale e contribuirà a ridurre questioni sia politiche sia individuali a problemi di ordine puramente organizzativo.

Dopo aver studiato a Cambridge biologia (come il padre William, a cui si deve in buona parte l’adozione del termine “genetica”, e che lo chiamò così in onore del monaco genetista Mendel) passa all’antropologia: nel suo primo lavoro del 1936, Naven, getta le basi della sua teoria introducendo il concetto di schismogenesi – un insieme di interazioni cumulative e retroattive tra individui o gruppi che provoca rotture, allontanamenti, crisi.

Negli Stati Uniti, dove nel frattempo si è trasferito , pubblica nel 1942 assieme alla moglie, la famosa antropologa Margaret Mead, uno studio, fondamentale anche per l’innovativo ausilio delle fotografie, sull’influenza del rapporto madre-figlio sulla formazione della personalità: Balinese Character. L’analisi dell’interazione e della circolarità dei comportamenti porterà al concetto di double bind (doppio legame), uno dei pilastri del suo pensiero. E sempre nel ’42 i due coniugi partecipano a una conferenza organizzata dalla Fondazione Macy sull’inibizione del sistema nervoso, che li farà avvicinare all’ambiente e ad alcuni principi che stanno per dare vita all’impresa cibernetica: la retroazione e, più nello specifico, il feedback negativo.

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

 

Sommario Ep 2.2

  • Introduzione
  • David Cayley, Interrogativi sulla pandemia in corso dal punto di vista di Ivan Illich, maggio 2020 (testo completo)
  • Critica alla tecnologia – Imbricchiamoci, Robi del gruppo anarchico Fuori Controllo di Savona

 

Riferimenti Ep 2.2

El Paso Del Ebro, arrangiamento di Henry Lowther (Aa Vv, Buenaventura Durruti, doppio CD, 1996)
Sacha Distel, Monsieur Cannibale (1966)
• Sangre de Muérdago, vari brani dall’abum Deixademe Morrer no Bosque (2013)
• Einstürzende Neubauten, Yü-Gung (Fütter Mein Ego) (Halber Mensch 1985)
• Serie TV Scrubs – Medici ai primi ferri (2001)
• Ivan Illich, Medical Nemesis: The Expropriation of Health (Conferenza del dicembre 1974)
• Terry Jones, Monty Pytons – Il senso della vita (1983)
• Liguriani, Pantalino + Polca in La Minore (Dal vivo a Genova, 2014)

 

Link alla puntata su Radio Blackout

LA NAVE DEI FOLLI 2.2 (20/10/20)

 

 

Episodio 2.1

Episodio 2.1

La nave dei folli è pronta a salpare.

Dopo mesi di bonaccia, con l’equipaggio che non si è risparmiato bagordi e gozzoviglie, la calma apparente dello specchio marino sta per essere di nuovo infranta. All’orizzonte dense nubi minacciose promettono nuove tempeste e a bordo è tornata a serpeggiare l’incertezza, l’inquietudine, l’angoscia.

Nel timore di nuove pestilenze, così dicono, il capitano e i suoi secondi vogliono una nuova disciplina: ogni passeggero, di qualunque età genere razza classe, dovrà essere vigilato e analizzato, ogni suo spostamento mappato e registrato, infine vaccinato. Non saranno ammesse eccezioni né deroghe, e per chi si oppone il destino è in buona parte già segnato: delazione, isolamento, ammende. In caso di recidiva, sarà gettato in pasto agli squali.

I passeggeri, chi per paura di morire, chi per dimostrare responsabilità e senso civico, chi per non essere malvisto o, peggio, additato come untore, tranne rari casi obbediscono. Si mascherano, si distanziano, si fanno fare i tamponi e prendere la temperatura; chissà se, nel silenzio forzato delle proprie coscienze tormentate dal dubbio, se non dal rimorso, covano ancora il sogno di tornare a quella terra mitica chiamata normalità?

Frattanto nell’oscurità della cambusa, al fioco barlume di lampade ad olio, alcuni mozzi imbarcati controvoglia preparano segreti piani d’azione, progetti di ammutinamento. Saranno soli o troveranno la complicità di altri marinai? Li ascolteranno, il resto dei passeggeri e dell’equipaggio, o li consegneranno alla vendetta del capitano?

Riuscirà la nave a cambiare rotta, evitando il tragico fato avverso, l’inevitabile naufragio? A bordo, c’è ancora la speranza di spezzare le catene di un destino lugubre e già scritto? C’è ancora chi, sognando o intravedendo altri possibili approdi, nasconde in cuor suo quell’ultimo sussulto di libertà che permetterà di strappare il timone dalle mani di chi governa e decidere infine, da sé, da noi, il senso di questa impresa?

Ma… bando alle ciance. Che si drizzino le vele! Mollare gli ormeggi! Sta per cominciare la seconda stagione de LA NAVE DEI FOLLI.

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

Sommario Ep 2-1

  • Introduzione alla Seconda Stagione
  • Uno sguardo critico sulla didattica a distanza, Robi del gruppo anarchico Fuori Controllo di Savona
  • Il Covid a Bergamo, una compagna di Bergamo

 

Riferimenti Ep 2-1

• Ozymandias, Contre Le Temps (MM – World Serpent, 2000)
• Pink Floyd, Comfortably numb (The Wall, 1979); Jamie Dupuis, Harp-Guitar + Electric Guitar, Comfortably Numb (2016); Pink Floyd, Another Brick In The Wall (The Wall, 1979)
• Andrew Niccol, Gattaca – La porta dell’universo (1997)
Rise Against, Injection (The Sufferer & The Witness, 2006)
Carlo Lizzani, La vita agra (1964)
• Turbulent Force, Metamorphic Structures + Timer (101+303+808 Now form a Band, 1995)
• Sergio Leone, C’era una volta il West (1968)

 

Link alla puntata su Radio Blackout

LA NAVE DEI FOLLI 2.1 (13/10/20)

SECONDA STAGIONE

13 Ottobre 2020, inizia la seconda stagione de La Nave dei Folli.

All’inizio con cadenza settimanale, poi si vedrà, tornano i podcast del Bollettino radiofonico di critica radicale alla società cibernetica.

Potete scaricare le puntate sia da questo sito, sia dagli appositi podcast sul sito di Radio Blackout (con una qualità audio migliore).

Cercate LA NAVE DEI FOLLI nell’apposita pagina dedicata ai podcast.

Infatti, la NAVE DEI FOLLI è in diretta, anche con contenuti extra (il “Fuori Onda”) ogni martedì, dalle 11 alle 13, sui 105.250 FM dell’unica emittente libera nell’etere a Torino – oppure sul sito https://radioblackout.org/

Episodio 17

Episodio 17

Ultimo episodio della prima stagione. Concludiamo il nostro primo periplo parlando di scuola (educazione) e medicina allopatica, le due istituzioni intoccabili e imprescindibili della nostra epoca ipertecnologica e progressista.
La Nave dei Folli torna a settembre con la seconda stagione.

Come anteprima della prossima stagione la novità della pagina Le Integrali dove troverete interviste ed estratti audio integrali parzialmente presenti nei montaggi degli episodi de La Nave dei Folli.

se il player da problemi scaricare il file. tasto destro e salva. scarica mp3

Sommario Ep 17
• Estratti da puntate precedenti de La Nave dei Folli
• Intervista a Bianca Bonavita, Luglio 2020. (intervista integrale)

Riferimenti Ep 17

• D’Onderhond, Brok En Puin, (Zim Zam Zoem, 2009)
• Intervista a Bianca Bonavita, Luglio 2020.
Discola, Pentagora edizioni (2019)
• Fabrizio De Andrè, Creuza de Ma’, (Creuza de Ma’, 1984)
• P.P. Pasolini, Abolire immediatamente la scuola media d’obbligo, Voce di Karl Esse
• Juan Atkins, Moon beam (Tresor.048)
• Marilyn Rambo, La rome antique e Zouk machin (Baleine à nourrir, 2012)
• Pier Paolo Pasolini, La scuola e la contestazione
• From the Depths, Last Transmission (Germinate, 2010)
• Silvano Agosti, Saggio, Il genocidio invisibile
• Gotan Project, El Capitalismo Foraneo (La Revancha Del Tango, 2001)
• Silvano Agosti, D’amore si vive (1984)
• Pan De Capazo, A La Deriva, Doel Ja (2014)
• Jean Vigo, Zero in Condotta, 1933